Alimentazione-durante-raffreddore

Spesso si ignora quanto una sana alimentazione possa intervenire a rafforzare il nostro sistema immunitario. Attività fisica, gestione dello stress e alimentazione equilibrata sono la prima medicina per contrastare i germi provenienti dall’esterno. Alcuni cibi finiscono per indebolire la nostra risposta immunitaria aumentando la possibilità d’infezione per le vie respiratorie.

Tra i cibi da evitare c’è sicuramente la carne i cui grassi animali ostacolano l’azione depurante dell’organismo contro tutte le forme batteriche. A questo proposito, un carico di frutta e verdura consentirebbe di accumulare antiossidanti dagli effetti benefici. In questa categoria rientra persino il latte che favorisce la formazione di muco che ostruisce le vie respiratorie creando per il rhinovirus un habitat ideale dove crescere. Gli esperti, perciò, consigliano di sostituirlo durante la malattia con tanta acqua o succhi genuini.

Dolci industriali, bevande gassate e cibi in scatola contengono così tanto zucchero da affaticare la digestione, facilitata, invece, da frutta essiccata, datteri, fichi o uvetta. Mentre, consumare snack salati quando si è a letto con l’influenza potrebbe contribuire alla disidratazione dell’organismo. È, pertanto, assolutamente da evitare qualsiasi tipo di frittura per consentire un recupero più rapido e tornare subito in forma.

Foto