Come-ci-si-raffredda

Sono due le principali cause della trasmissione dei virus legati al raffreddore più comune, quello che ci costringe a letto per giorni, facendoci sentire stanchi e spossati.
Le vie preferenziali di trasmissione possono essere: aerea, attraverso goccioline presenti nell’etere, oppure tramite il contatto diretto con secrezioni nasali infette.

I virus possono abitare per molto tempo in luoghi chiusi prima di essere trasferiti dalle mani alle vie respiratorie.

Nei bambini l’incidenza influenzale da raffreddore è più elevata, in quanto strettamente correlata ad un sistema immunitario debole e ad un’igiene che, specie negli asilo nido, non viene tenuta troppo in considerazione.

Le raccomandazioni sono, dunque, le solite: evitare il più possibile, in periodo di influenza, luoghi chiusi e dall’aria viziata, curare l’igiene personale, in particolare quella delle mani, non usare bicchieri, posate o cose simili che siano già stati utilizzati da altri, ancorché apparentemente in ottimo stato di salute.

Foto